Mostra di Pittura a Tricesimo

Memorie Tricesimane, gruppo dell’Associazione “Insieme per”, con il patrocinio del Comune di Tricesimo, propone un omaggio a Natasha Savcenko, in arte SNaAn, con un’esposizione delle realizzazioni della sua creatività.

A Tricesimo, in Via Sant’Antonio, 8.
Inaugurazione Sabato 1° luglio ore 18.00.
L’esposizione sarà aperta tutto il mese di luglio il Venerdì dalle 16.00 alle 19.00, il Sabato dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00, la Domenica dalle 10.00 alle 12.30 e il Lunedì dalle 10.00 alle 12.30
SIETE TUTTI INVITATI!!!
V. : https://www.facebook.com/I-Quadri-DI-SNaAn-1626506997603814/

Annunci
Pubblicato in Arte e Persona, Arte e Società, Diamo un Volto agli Invisibili | Contrassegnato | Lascia un commento

UNA NOVITA’ DEGNA DI NOTA

Seguite il blog La Casa di Giano!
Il sapere giuridico sposa i Diritti Dell’Uomo e del Cittadino online!
Scrivete a:
lacasadigiano@virgilio.it

https://lacasadigiano.wordpress.com/

C.d.G.

Pubblicato in Protagonisti o succubi?, Uncategorized | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

EN PASSANT . . .

CARI AMICI, HO VOLUTO TOGLIERMI UNO “SFIZIO”; PUR ESSENDO DA TEMPO PRIVO DI UNA OCCUPAZIONE STABILE E CON POCHI QUATTRINI, ABITO IN UNA CASA DI PROPRIETA’ OLTRETUTTO NON PROPRIO PICCOLA, COSI’ HO PENSATO DI INFORMARMI PRESSO CHI DI COMPETENZA PER SAPERE SE MI SAREBBE POSSIBILE OSPITARE DEI PROFUGHI.
L’HO FATTO PER VEDERE SE QUELLO CHE CREDEVO AVREBBE TROVATO CONFERMA E COSI’ E’ STATO; SAPETE, IO MI RISCALDO ALLA PEGGIO CON UNA VECCHIA STUFA A LEGNA E PER LA SPESA QUOTIDIANA DEVO MIRARE IL CENTESIMO.
LA RISPOSTA E’ STATA QUESTA: NON POSSEGGO I REQUISITI MINIMI PER GARANTIRE A CHI FUGGE DA GUERRA E MISERIA UN’OSPITALITA’ ADEGUATA.
BISOGNA DISPORRE DI LOCALI BEN RISCALDATI PROVVISTI DI SERVIZI IGIENICI A NORMA E ASSICURARE DUE PASTI CALDI AL GIORNO.
PERFETTAMENTE COMPRENSIBILE; E’ ANCHE VERO CHE UN CITTADINO ITALIANO IN POVERTA’ PUO’ ANCHE VENDERSELA, LA CASA.
IL MIO DUBBIO PERO’ E’: SE IO MI TROVASSI IN UNA CONDIZIONE ANCORA PEGGIORE, PRIVO DI UN TETTO, ALLA STESSA STREGUA INSOMMA DI UN PROFUGO, LA STRUTTURA ASSISTENZIALE ITALIANA SI ATTIVEREBBE ANCHE PER ME, PER ASSICURARMI IN DEFINITIVA UNA CONDIZIONE DI VITA TUTTO SOMMATO MIGLIORE DELLA MIA ATTUALE?
NON SONO RAZZISTA NE’ “BUONISTA”: ESPRIMO SEMPLICEMENTE ALCUNE CONSIDERAZIONI.
Renato Valusso

V. ANCHE:  http://friulicontrolacrisi.altervista.org/blog/download2EA2925F4E8161951509357E392856A0C8DD69FB9A6CE053500A5DD0B54EA70D

Pubblicato in A ognuno il suo..., Diamo un Volto agli Invisibili, Economia e Lavoro, Fra l'incudine e il martello, Friuli Contro La Crisi, I Senza Vergogna, La Legge è uguale per tutti, numeri o persone?, QUIUDINELIBERA, Rispetto e Società | Contrassegnato , , , | 1 commento

BENVENUTI SULLA PAGINA I QUADRI DI SNaAn


I QUADRI DI SNaAn

SNaAn realizza dipinti a olio e/o acrilico su tela, faesite e altri materiali, in uno stile che si richiama al surrealismo, con l’utilizzo di soggetti legati ai temi di base dell’esistenza, con un senso talvolta improntato a una visione umoristica delle cose.
Chi fosse interessato a un acquisto o desiderasse altre informazioni, può scrivere a: lucikino@libero.it

Visitate la Pagina:
https://www.facebook.com/I-Quadri-DI-SNaAn-1626506997603…/…/

 

Spirito veneziano

SNaAn 2015

Olio/Acrilico su tela

_MG_0634

Pubblicato in Arte e Società, Diamo un Volto agli Invisibili | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

CITTADINI E SANITA’: LA 2° VOLTA DI ARIELLA

Cari Lettori, oggi pubblichiamo sul blog di Quiudinelibera una lettera, scritta da un cittadino il cui nome è già noto a chi ci segue, e rivolta ai vertici dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Santa Maria della Misericordia di Udine.
Autrice della missiva è la Signora Ariella Pozzar, della quale in un precedente post abbiamo descritto la travagliata vicenda relativa a un problema di salute non adeguatamente affrontato dalla sanità pubblica (v.qui) e che, più recentemente, in seguito a un incidente stradale occorsole il 14 luglio scorso, ha subito un ricovero di una decina di giorni presso il nosocomio udinese, durante il quale ha riscontrato una serie di disagi e disservizi.
Siccome la Signora Pozzar appartiene a quella ristretta fascia di cittadini che conoscono bene i propri diritti e doveri e che ritiene giusto farli rispettare, non ha esitato a mettere per iscritto quello che ha constatato ed eccoci di nuovo a rendere pubbliche le sue osservazioni: ci sembrano una lettura interessante e ci auguriamo che chi deve intendere intenda.
A presto
Renato Valusso

Spettabile Direttore,

io sono una persona qualunque, che ha avuto la sfortuna di venir investita da un’autovettura mentre guidavo il motorino, ricavandone una gamba fracassata oltre a contusioni varie.
Da questo comincia l’odissea infinita di un degente ricoverato in Ortopedia nell’ospedale di Udine, nel padiglione nuovo n. 15.
Struttura nuovissima, architettonicamente splendida, con entrate e sale di attesa splendide, simili a un aeroporto ultramoderno.
Ma le cose cambiano vissute sulla pelle di un degente ricoverato.
Dopo 15 giorni di degenza faccio le mie osservazioni sui tagli di spesa voluti sulla sanità attuale e finiamola di dire che a Udine va tutto bene!
Per prima cosa vorrei sottolineare che l’amministrazione locale ha voluto agglomerare due reparti in uno, cioè ortopedia più clinica ortopedica, però il personale operativo è stato ridotto a quello di un solo reparto: due soli infermieri per 60 pazienti e un solo termometro per tutto il reparto, che passa da un paziente all’altro!
Gli inevitabili disagi sono all’ordine del giorno: per esempio, se ti devono accompagnare in bagno è probabile che ti dimentichino lì per parecchio tempo, non per noncuranza del personale ma perché, con tutti i campanelli che suonano, gli operatori fanno quel che possono con i pochi strumenti che hanno.
A volte fanno doppi turni, anche di 17 ore, per poter fare con coscienza il loro lavoro che, sottolineo, svolgono con passione, gentilezza e amore.
Io sono una volontaria della mensa della Caritas e vi assicuro che il cibo offerto lì è di gran lunga superiore a quello della mensa che ha vinto l’appalto in ospedale, che invece sembra preparato con alimenti di ultima scelta.
Perché non far concorrere all’appalto anche la Caritas? Almeno si mangerebbe meglio!
Tanto, ormai, si va avanti solo con la carità umana anche se la sanità la si è pagata e ancora la si paga profumatamente.
I pasti serali vengono serviti alle 17.30 perché gli operatori devono finire il servizio alle 19.30, altrimenti la loro ditta deve pagare lo straordinario notturno.
I bagni costruiti nel padiglione nuovo sembrano delle donne truccatissime che però non si lavano da mesi, infatti sono piccoli, con tubi che perdono e porte pesanti, penso ideate da chi non sa cosa vuol dire essere un cittadino normale e disabile, obbligato a ricorrere al servizio pubblico. Sono porte che, se si chiudono sulle carrozzine, probabilmente ti fratturano anche le ossa rimaste sane!
Gli armadi a muro nelle stanze sono strettissimi e quasi inagibili, praticamente non ci sta niente.
Le pulizie sono ridotte al minimo, 2 minuti e mezzo per stanza, l’acqua è un optional.
Quando vieni dimesso, poi, ti devi districare con un altro incubo: i dispositivi medici ( tutore, carrozzina, stampelle ) a cui il malato avrebbe diritto per la riabilitazione, sono stati talmente ridotti che, anche se chi ne ha bisogno poi li restituirebbe, non te li danno.
Quindi, o si può far ricorso ad amici e parenti o bisogna rivolgersi a delle onlus che, versando un obolo, li impresti.
Ma se uno non ha i soldi per l’obolo?
Quando poi si deve iniziare la riabilitazione, si deve correre su e giù per la fisioterapia: e se qualcuno è da solo, che fa?
Può ricorrere a un’altra onlus, a pagamento e neanche tanto economico.

Concludo drasticamente: se il mio numero è uscito perché devo essere eliminata prima di andare in pensione, così si risparmia…lo accetto!
Però fatemi l’iniezione letale, non fatemi soffrire, quella non viene negata neanche ai cani!
O volete risparmiare anche lì?

Grazie
Ariella Pozzar

tumblr_n6r870js9q1rluns4o1_1280

Pubblicato in Amministrazione e Carenze, Diamo un Volto agli Invisibili, portafogli di stato, Protagonisti o succubi?, QUIUDINELIBERA, Rispetto e Società, Soldi Nostri o Soldi Loro? | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

STAI MALE, NON C’E’ IL MEDICO, POI TI SBAGLIANO LA CURA, MA L’IMPORTANTE E’ CHE TU PAGHI IL TICKET

Amici di Quiudinelibera, nelle righe che seguono vi racconteremo una vicenda di malasanità, vissuta sulla sua pelle (è proprio il caso di dirlo) dalla Signora Ariella Pozzar, che, diversamente da altri cittadini che magari si lamentano per le carenze di un servizio che abbiamo strapagato da anni e però poi in pubblico tacciono, ha deciso di portare alla conoscenza di tutti quello che appare come un abuso e un disservizio.

La storia ha inizio il giorno sabato 30 maggio scorso, quando la signora Ariella si reca alla Guardia Medica di Feletto Umberto, per quella che sembra una allergia a un farmaco.
Viene rassicurata ma, vista la recrudescenza di un’eruzione cutanea con febbre alta, prurito e forti dolori, il giorno dopo, domenica 31 maggio, alle 6.30 del mattino va al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Udine, ma, malgrado oltre a lei ci sia solo un altro paziente in attesa, si ritrova ad aspettare parecchio.
Dopo quattro ore di attesa, la signora Pozzar va allo sportello e insiste, considerato lo stato di permanente e forte malessere, per essere ricevuta e finalmente viene visitata.
Il medico che effettua la visita, le spiega che all’ospedale di Udine non ci sono dermatologi in servizio durante i giorni festivi e, consegnatole una borsa di ghiaccio secco, la invita a tornare il giorno dopo, provvista dell’impegnativa del medico di base.
Così, la signora lunedì mattina è di ritorno e, previo pagamento di un ticket di 39 Euro, viene visitata piuttosto sommariamente dal dermatologo di turno, che, malgrado abbia appreso dalla paziente che la stessa è particolarmente sensibile agli effetti degli antibiotici, le prescrive comunque una cura di 3 pastiglie di antibiotico al giorno, fra l’altro decisamente costosa.
Il giorno dopo, la signora Ariella è dal suo medico di base, che le esprime delle perplessità circa la terapia che le è stata indicata, tuttavia, afferma, “se il dermatologo ha prescritto questa cura, sarà il caso di seguirla.”

Il lunedì successivo, in condizioni di netto peggioramento, Ariella Pozzar si reca nuovamente all’ospedale di Udine, dove viene visitata da un altro dermatologo, che le conferma che la terapia che le è stata prescritta è inadeguata e, alla richiesta della paziente di poter essere seguita un po’ meglio, le risponde che “qui non abbiamo reparto di dermatologia” e che, oltre a cambiarle la cura, altro non può fare.
Intanto, la signora Pozzar si ritrova con il volto in fiamme e le lacrime agli occhi a causa del fortissimo prurito e dei dolori.
Chiede se esiste qualche lenitivo almeno per calmare il bruciore e il medico le risponde sbrigativamente di no e aggiunge: “Quando esce, si ricordi di pagare il ticket.”
La misura è colma e la signora Ariella se ne esce sbattendo la porta e si dirige verso l’ala del nosocomio che ospita il Tribunale dei Diritti del Malato, decisa a ottenere un minimo di ascolto per il suo caso ma, anche qui, amara sorpresa: gli uffici sono vuoti, non c’è modo di parlare con nessuno.
Ritorna a casa e, malgrado l’assunzione dei nuovi farmaci, lo stato di malessere non si attenua; a questo punto, su consiglio di un amico, decide di di rivolgersi all’Ospedale di San Daniele del Friuli per ottenere un altro responso medico.
Nel pomeriggio di lunedì, la signora viene visitata e, questa volta, incontra un contesto completamente diverso, fatto di cortesia e sollecita disponibilità: le vengono consigliati dei farmaci per attenuare la febbre e il forte prurito e Ariella riesce a tranquillizzarsi.

Da notarsi che, alla fine, Ariella Pozzar non ha inteso, con la sua testimonianza, farsi avanti per chiedere eventuali risarcimenti o presentare denunce, ma semplicemente, sono parole sue, “invitare chi di dovere a essere più disponibile e attento verso chi sta male”.
E non si può che darle ragione.

r. v.

V. anche : https://www.facebook.com/ariella.pozzar/videos/667657836699651/?pnref=story

11210506_667375390061229_2408930730453863809_n

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

UNA MANO LAVA L’ALTRA . . .

Da Friuli Contro La Crisi:

IL GRUPPO SPONTANEO DI CITTADINI FRIULI CONTRO LA CRISI LANCIA LA SEGUENTE PROPOSTA: IN VISTA DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA PALAZZINA DELL’EX CASERMA “CAVARZERANI” A UDINE, ALLO SCOPO DI OSPITARE CIRCA 120 PROFUGHI, CHIEDIAMO CHE PER LE OPERAZIONI DI RIPRISTINO DELL’IMMOBILE SI PROCEDA ALL’ASSUNZIONE DI MANODOPERA SPECIALIZZATA E GENERICA ATTINGENDOLA DALLE LISTE DEI DISOCCUPATI RESIDENTI IN UDINE E ZONE LIMITROFE.

TUTTI I MEMBRI DI FRIULI CONTRO LA CRISI OFFRONO FIN D’ORA LA PROPRIA DISPONIBILITA’ A PARTECIPARE.
QUESTO PERCHE’ IN TAL MODO LE LOCALI ISTITUZIONI DAREBBERO UN FORTE SEGNALE DI EQUITA’ SIA VERSO COLORO CHE VENGONO ACCOLTI CHE NEI CONFRONTI DEI CITTADINI ITALIANI DISOCCUPATI.
QUESTO APPELLO VERRA’ INVIATO A TUTTI GLI ENTI PUBBLICI COINVOLTI NELL’INIZIATIVA E DIRAMATO A TUTTI I PRINCIPALI MEDIA REGIONALI E NAZIONALI.
ULTERIORI NOTIZIE PRESTO SUL NOSTRO BLOG.

r. v.

V. LINK

mano-bianca-e-mano-nera

Pubblicato in A ognuno il suo..., Economia e Lavoro, Friuli Contro La Crisi, portafogli di stato, Protagonisti o succubi?, QUIUDINELIBERA, Rispetto e Società, Verso il Futuro | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento